Deputata PD indagata per falsa testimonianza

Troppi per i magistrati capitolini, che per tutte le amnesie inanellate il 17 ottobre 2016 hanno rinviato a giudizio per falsa testimonianza deputata la del Partito Democratico Micaela Campana.

0
594
MIcaela Campana
MIcaela Campana

Molti “non so“, moltissimi “non ricordo“. Trentanove in tutto, tutti pronunciati in aula. Troppi per i magistrati capitolini, che per tutte le amnesie inanellate il 17 ottobre 2016 hanno rinviato a giudizio per falsa testimonianza deputata la del Partito Democratico Micaela Campana. Con lei, per decisione del gup Costantino De Robbio, andranno a processo altre 12 persone tra le quali Antonio Lucarelli, ex braccio destro del sindaco Gianni Alemanno, e l’ex direttore del Dipartimento promozione dei servizi sociali del Comune di Roma, Angelo Scozzafava. L’accusa: nel corso del processo di primo grado al Mondo di mezzomentirono davanti ai giudici della X sezione penale del Tribunale di Roma. Il processo è stato fissato al prossimo 13 novembre davanti alla settima sezione penale.

I pm di piazzale Clodio, che il 26 ottobre 2018 avevano chiesto il rinvio a giudizio, contestavano alla Campana di “aver negato reiteratamente numerose circostanze della sua vita politica e personale”, fra le quali “la richiesta rivolta a Salvatore Buzzi di curare il trasloco per il cognato Nicolò Corrado, le ragioni dell’incontro del 4 aprile 2014 con Buzzi presso la sua abitazione, i collegamenti diretti di Buzzi con l’ex viceministro dell’Interno Filippo Bubbico e l’interessamento di quest’ultimo alle vicende inerenti alla gara per la gestione del Cara di Castelnuovo di Porto“. Secondo i pubblici ministeri campana aveva “affermato il falso, ovvero taceva, in tutto o in parte, ciò che sapeva intorno ai fatti sui quali era interrogata”.

MIcaela Campana
MIcaela Campana PD

Ex moglie di Daniele Ozzimo, assessore alla casa della giunta Marino (condannato in appello a 2 anni e due mesi per corruzione), Campana aveva pronunciato la prima raffica di “non ricordo” proprio a proposito dell’incontro tra Buzzi e Bubbico: la deputata aveva riferito di non ricordare, negando circostanze ben definite nelle intercettazioni telefoniche. “Non ricordo se Buzzi mi indicò le motivazioni per cui mi chiese quell’incontro”, affermava la Campana, che, di fronte all’incalzare delle domande del difensore del presidente della Cooperativa 29 giugno, aveva motivato l’amnesia con il fatto che erano passati diversi mesi.

All’ennesima dichiarazione approssimativa la presidente della Corte, Rossana Ianniello, l’aveva redarguita: “Lei non può rispondere dicendo ‘Probabilmente sì’. Lei è una componente della Commissione Giustizia e dovrebbe sapere che il testimone risponde sui fatti di cui è a conoscenza. E qui non facciamo giudizi sulla base di probabilità”. All’ennesimo “non ricordo” Ianniello era costretta a ricordarle la gravità di una testimonianza falsa in un processo e rincarava: “Lei è anche una persona giovane, quindi questo “non ricordo” continuo come ce lo spiega?“. “Faccio anche altre cose“, era stata la risposta lapidaria della parlamentare Pd.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here