Matteo Renzi e il pedofilo del Forteto

0
1769

Matteo Renzi non può ignorare chi è Rodolfo Fiesoli, quando il 12 novembre 2011, alcune settimane prima del suo ennesimo arresto parla a Firenze nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio, nel corso di un convegno (TedxTex: fondazione Al Gore), in qualità di educatore.

In platea c’è l’allora sindaco Matteo Renzi che sorride ed annuisce, al quale Fiesoli si rivolge a più riprese. Dopo l’arresto del Fiesoli  i riferimenti al medesimo Fiesoli spariscono dal sito online dell’iniziativa e da YouTube, in cui però, sono visibili tutti gli altri interventi tra cui quelli di Jovanotti e dell’allora inquilino di Palazzo Vecchio Matteo Renzi.

Laretenonperdona però conserva ancora memoria documentata di quell’intervento in tandem sullo stesso palcoscenico di Renzi e Fiesoli.

Matteo Renzi e Rodolfo Fiesoli

Del resto. Rodolfo Fiesoli e Luigi Goffredi erano di casa a Palazzo Vecchio: nel 2009 il testo Il libro dimenticato dalla scuola di Fiesoli e Goffredi viene presentato immancabilmente a Palazzo Vecchio. L’ultima opera di Fiesoli del 2010 intitolata, Fili e nodi vanta pure una prefazione firmata da Antonio Di Pietro. L’ex onorevole molisano,  singolare caso, entra in parlamento nel 1997 candidandosi proprio nel collegio 3 della circoscrizione Toscana, ossia nel Mugello.

Il 9 settembre 2015 il tribunale di Firenze ha depositato la sentenza numero 3267/2015 con cui condanna Rodolfo Fiesoli a 17 anni e mezzo di reclusione, ed il socio Luigi Goffredi ad 8 anni di galera. I due padroni della struttura finanziata con denaro pubblico (1,3 milioni di euro nel solo periodo 1997-2001) erano già stati condannati nel 1985, con sentenza passata in giudicato. Una vicenda di cui avevano ampiamente parlato e dibattuto giornali e televisioni.

La violenza sempre più dilagante su bimbi e adolescenti non arrestata da chi risiedeva a Palazzo Chigi. L’Italia attualmente detiene il primato europeo per la pedofilia impunita e protetta dal potere. Ben 40 atti parlamentari (interpellanze e interrogazioni) attendono da anni un riscontro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here