Libertà d’informazione in Italia

0
170

Nella classifica l’Italia è al 73° posto a pari merito con il Tonga.

il nostro Paese è l’unico dell’Europa Occidentale ad essere parzialemente libero, al pari con Romania, Turchia, Bosnia, Serbia, Ucraina, Croazia ed altri Stati “campioni” di libertà di informazione. Inutile ricordare il motivo principale di questa debacle: i conflitti d’interesse di Silvio Berlusconi, premier ed editore quasi monopolista delle tv generaliste e di buona parte della carta stampata.

Ovviamente in televisione quasi nessuno, tranne il solito Travaglio, ne ha parlato e la stampa ha regalato solo pochi trafiletti a questa notizia.

Se a questo aggiungiamo la classifa ascolti dei TG, il gioco è fatto.

Bastano due dati per mettere in evidenza lo squilibrio che c’è tra il TG di proprietà di Berlusconi (considerato assolutamente asservito) con quello di La7, di proprietà dell’imprenditore Cairo (senza incarichi politici).

TG5 Ore 20.00 4.336.000 (18.1%)

TGLA7 ore 20.00 1.128.000 (4.7)

Ogni sera milioni di italiani vengono disinformati dai TG di Mediaset, ai quali è lasciata la responsabilità dell’informazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here