Mentre il Governo abolisce i vitalizi in Senato i Compagni di Pd e Leu se la svignano

Al momento del voto per abolire i vitalizi al Senato i compagni del PD assieme a Leu e Forza Italia se la sono svignata fuori dall'aula. Anche senza i tre fuggitivi il decreto è passato comunque, resta l'ennesima macchia nei confronti di un Partito Democratico che dimostra sempre più la propria distanza dai cittadini italiani e dai loro problemi.

0
983

Di questo passo il PD scomparirà del tutto. L’ennesima occasione è sfumata oggi, i Dem avrebbero potuto dimostrare un minimo di riguardo nei  confronti degli italiani, ma è più forte di loro. Al momento del voto per abolire i vitalizi al Senato i compagni del PD assieme a Leu e Forza Italia se la sono svignata fuori dall’aula. Anche senza i tre fuggitivi il decreto è passato comunque, resta l’ennesima macchia nei confronti di un Partito Democratico che dimostra sempre più la propria distanza dai cittadini italiani e dai loro problemi.

Bersani e Speranza, i compagni di Leu
Bersani e Speranza, i compagni di Leu

Tre mesi dopo la Camera, anche Palazzo Madama ha approvato la delibera che taglia i vitalizi per gli ex parlamentari. Dopo le resistenze della presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e i temporeggiamenti tra audizioni e richieste di pareri ulteriori per evitare i ricorsi, il consiglio di presidenza ha messo in votazione il documento con un testo identico a quello di Montecitorio: 10 i voti a favore e un astenuto, mentre i senatori di Pd, Leu e Forza Italia sono usciti al momento del voto.

Intanto oggi si è arrivati al taglio per tutti gli ex parlamentari e i 5 stelle hanno festeggiato nel cortile del Senato con striscioni e palloncini: “Stiamo facendo risparmiare agli italiani 56 milioni di euro“, uno degli slogan pronunciati. “Detto, fatto”, ha esultato il vicepremier M5s Luigi Di Maio. “Promessa mantenuta. Bye bye vitalizi anche per gli ex senatori. Questo privilegio non esisterà più per nessuno. Evviva”. E ha poi rilanciato: “Nella manovra di bilancio ci sarà una norma che impone alle Regioni di tagliare i vitalizi, così come accade per Camera e Senato”. E ha specificato che in assenza di questi tagli si bloccheranno i trasferimenti per pagarli. Anche i portavoce a Bruxelles hanno annunciato battaglia: “Prossimo obiettivo #byebyevitalizi anche al Parlamento europeo“, hanno scritto su Twitter, “dove i privilegi e la casta resistono ancora.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here